Anni 70 e 80 Disco Music

Anni 70 e 80 Disco Music

Anni 70 e 80 Disco Music o semplicemente  Disco (genere musicale), nasce negli Stati Uniti esclusivamente  come musica da ballo, il materiale armonico e melodico delle prime produzioni, affonda le sue radici nel funk , nel soul, nel latino americano e psichedelico, affida il proprio successo al circuito delle discoteche, dove il disc jockey propone al pubblico musiche pre-registrate e mixate.

Anni 70 e 80 Disco Music    

fonte

Anni 70 e 80 Disco Music

Relegata nell’ambiente dei club di New York e di Los Angeles nei primi anni 70 la disco music conosce attorno al 1974 l’inizio di un successo che si protrarrà fino alla fine del decennio. In quell’anno Gloria Gaynor pubblica Never can say goodbye un’animamente considerato il primo successo internazionale del fenomeno.

L’anno successivo si assiste all’invasione delle classifiche pop americane da parte di brani come Lady Marmalade di Patti LaBelleLove to love you baby di Donna Summer che contribuiscono ulteriormente a cementare il successo della discomusic.

Sempre nel 74, la stazione radio WPIX di New York mandava in onda il primo programma radiofonico dedicato alla disco music, il genere musicale underground che stava prendendo piede nei club della Grande Mela.

Di seguito un mio video attinente al genere in questione.

 

Anni 70 e 80 Disco Music

Nel 1977 la consacrazione del genere avviene con il film La febbre del sabato sera con le musiche al proprio interno cantate dai  Bee Gees.

Alla fine del 1976 negli Stati Uniti vengono stimati qualcosa come più di diecimila disco club, tra questi  nell’aprile del 1977 apre il tempio  Newyorkese della musica dance

Studio 54, un club storico dove la colonna sonora delle lunghe notti erano i Bee Gees, Donna Summer e gli Chic e fino al 1980 sarà la disco music a dominare le classifiche, con singoli come:

Fly Robin fly (Silver Convention), Disco Inferno (Trammps), I will survive (Gloria Gaynor), Ring my bell (Anita Ward), Funkytown (Lipps Inc.),

We are family (Sister Sledge), YMCA (Village People) e ancora, September (Earth Wind & Fire), Blame It On The Boogie (The Jackson 5), Celebration (Kool & The Gang) e tanti altri.

Salvo Tiralongo

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]
Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp
Invia